Caffè San Marco 

from/night

Questo caffè venne aperto nel 1914 e già allora, come oggi, era ritrovo di intellettuali e artisti. Qui si riunivano anche gli irrendentisti, coloro che speravano un futuro italiano per la città, che all’epoca faceva parte dell’Impero Austroasburgico.  Con la Grande guerra, abbiamo quasi rischiato di perdere i marmi, gli stucchi, l’eleganza, ma soprattutto lo spirito del locale, che per fortuna è stato ricostruito com’era e continua a essere ancora oggi uno dei punti di riferimento della vita, soprattutto culturale, della città.

Qui arrivi, ti siedi (magari dopo aver scelto un volume della libreria ospitata dentro il caffè) e ti può capitare di sentire la presentazione di un libro o una conferenza, di riconoscere scrittori come Claudio Magris al tavolo vicino, di perderti nei ricordi delle vite che hanno attraversato questi spazi, lasciandoci un pezzettino di anima.

E proprio questo è il Caffè San Marco, un luogo dell’anima dove puoi trascorrere interi pomeriggi a rilassarti, leggere, lavorare. Nessuno ti disturba, sa che ti stai concedendo una pausa tutta per te…